Scarica il progetto in .pdf

Scarica il volantino in .pdf

Percorsi museali multisensoriali in .pdf

Proposte intermuseali in .pdf

Proposta interculturale Spoleto in .pdf

Compleanni al museo in .pdf

Percorsi e laboratori didattici in .pdf

Proposta di percorsi educativi e laboratori didattici per il Museo Archeologico Nazionale e Teatro Romano di Spoleto

A cura di Marta Nardin e Giulia Ricci

Introduzione

Utenza

Tutti i cicli scolastici. I percorsi, infatti, prevedono diversi gradi e modalità di approccio in relazione all’età degli studenti.

Tempi

Solo percorso o solo laboratorio: 1 ora e 30 minuti – 2 ore (a seconda dell’attività scelta)

Percorso + laboratorio: 3 ore circa

Spazi

Sale del Museo, Aula Didattica del Museo.

Presentazione contenuti e Finalità

Far conoscere, nella sua molteplice valenza culturale, il Museo e il patrimonio in esso conservato come prezioso documento del gusto e della memoria locale, testimonianza attiva della comunità cui appartiene.

Far comprendere che i beni culturali sono una diretta manifestazione della creatività, del costume, delle conoscenze di un popolo e come tali fonti dirette di informazione, prezioso legame tra presente, passato e futuro.

Metodi

La metodologia è caratterizzata dall’elemento dell’interattività. L’operatore didattico svolge un ruolo di mediazione tra il bene culturale e l’alunno, inducendo quest’ultimo a trarre da solo le informazioni dagli oggetti analizzati, attraverso stimoli di vario tipo. In questo modo l’alunno viene motivato in quanto protagonista e costruttore del processo di apprendimento. Le competenze raggiunte diventano quindi un saper fare che trova applicazione diretta nei laboratori. La modalità della lezione frontale viene limitata a parti introduttive o di raccordo, per dare organicità a quanto viene scoperto dai ragazzi.

Supporti utilizzati durante i percorsi e i laboratori

Schede e immagini ricostruttive

Filmati multimediali

Schede didattiche e dispense opportunamente strutturate

Materiale per la verifica in classe

Su richiesta saranno fornite agli insegnanti schede di approfondimento e verifica del lavoro svolto al Museo con apparato di fonti e bibliografia.

LEGENDA:

P = PERCORSO

L = LABORATORIO

SCUOLA PRIMARIA e SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

GLI UMBRI

Le attività produttive degli Umbri P

Il percorso intende approfondire la conoscenza delle attività produttive ed economiche degli antichi Umbri attraverso l’osservazione delle collezioni museali. Si esamineranno le caratteristiche, le tecnologie e le peculiarità legate a tali attività (agricoltura, allevamento, lavorazione della ceramica, metallurgia, filatura e tessitura…), con particolare attenzione alle testimonianze archeologiche dal territorio spoletino.

I rituali funerari degli Umbri P

La visita ha come obiettivo l’approfondimento degli usi e costumi funerari degli antichi Umbri, con particolare attenzione alle testimonianze archeologiche del territorio. L’analisi dei corredi funerari consentirà inoltre di dedurre alcune informazioni relative alla struttura sociale degli antichi Umbri e alle dinamiche culturali e commerciali che li vedevano coinvolti.

L’arte della tessitura L 

Introduzione: Nella prima parte si introduce l’arte della filatura e della tessitura, analizzando tecniche e strumenti per la lavorazione e la trasformazione delle fibre tessili. Si analizzeranno quindi le dinamiche economiche e sociali legate a tali attività.

Attività: Sperimentazione pratica, da parte dei bambini, dell’arte della tessitura.

L’arte del metallo presso gli Umbri L

Introduzione: Nella prima parte vengono descritte le principali fasi dell’attività metallurgica, dall’estrazione alla fusione, alla produzione di armi e oggetti d’uso quotidiano.

Attività: Nella fase pratica si sperimenta lo sbalzo su rame e si realizza una bulla, prendendo spunto dall’ornamento rinvenuto all’interno della Tomba 32 della necropoli di Piazza d’Armi.

La capanna del vasaio P+L

Introduzione: Il laboratorio analizza la produzione ceramica presso gli Umbri: le tecniche di lavorazione, le tipologie decorative, le forme vascolari e gli oggetti fittili di uso quotidiano.

Attività: nella fase pratica ciascun bambino riproduce uno degli elementi zoomorfi rinvenuti all’interno dei corredi delle tombe della necropoli di Piazza d’Armi (cavallino fittile, papera cornuta, elementi ornitomorfi ecc)

SPOLETO ROMANA

Una giornata nella città di Spoletium dall’alba al tramonto

Il percorso intende ricostruire la giornata-tipo di un bambino romano vissuto nella città di Spoletium 2000 anni fa. L’attenzione si concentrerà sulle tipologie di abitazione, sulla scuola, sui giochi, sul riposo e sui pasti quotidiani.

Artigiani e mercanti a Spoletium P 

Il percorso intende approfondire la conoscenza delle principali attività produttive, artigianali, artistiche e commerciali dell’antica Spoletium. Si approfondirà in particolare l’inserimento della città nei canali di traffico commerciali di età romana, per ricostruire il quadro di un centro dalla grande vivacità economica.

Mosarcheo: il mosaico romano

Introduzione: Il laboratorio verte su una delle più note tecniche di decorazione pavimentale in epoca romana, il mosaico; dopo averne esaminato le diverse tipologie, si analizza come potevano essere realizzati i pavimenti musivi in antico, con particolare attenzione per i materiali, gli strumenti e le figure professionali interessate.

Attività: realizzazione individuale, da parte degli alunni, di un piccolo mosaico con tessere di marmo tagliate a mano da un mosaicista.

C’è domus e domus! P + L 

Introduzione: Il percorso verte sull’analisi dei resti archeologici e materiali delle domus romane di spoleto.

Attività: ricostruzione del plastico di una cucina romana e di un triclinium

Firmalampen & co. Riproduciamo una lucerna romana P + L 

Introduzione: dopo una prima parte dedicata alle tecniche di illuminazione in età romana, ci si concentra sul tema delle lucerne: cosa sono, come venivano prodotte, come funzionavano e in quali contesti venivano utilizzate.

Attività: Realizzazione di una lucerna romana secondo l’antica tecnica della lavorazione a matrice

Theatrum et histriones. Maschere, attori e ludi scaenici nel mondo romano P + L 

Introduzione: Visita al teatro romano e ai resti materiali conservati nel Museo che rimandano a questo grande edificio da spettacolo. Approfondimento del tema del teatro nel mondo romano: le origini del teatro latino, le tecniche di rappresentazione, gli attori e le maschere.

Attività: Riproduzione di una oscillum con maschera teatrale secondo l’antica tecnica della lavorazione a matrice.

Leggere la storia attraverso le anfore L

Introduzione: Il laboratorio approfondisce la conoscenza delle anfore, i contenitori da trasporto di età romana grazie ali quali è possibile ricostruire un quadro dell’economia antica: i luoghi di produzione, le rotte commerciali, i generi alimentari trasportati, le varie forme di riuso.

Attività: Completamento di schede didattiche appositamente strutturate e realizzazione di una mappa che illustri le rotte commerciali delle anfore rinvenute nel territorio di Spoleto.

SCUOLA SECONDARIA DI SECONDO GRADO

Abitare a Spoletium P

Introduzione: Partendo dall’analisi iniziale della struttura urbanistica dell’antica Spoletium, il percorso prosegue concentrandosi sugli aspetti sociali e materiali dell’antica città romana, con l’obiettivo di ricostruire un quadro d’insieme dei sistemi e dei modi di vita in uso in questo territorio dopo l’avvento della romanizzazione.

La comunicazione presso gli antichi romani P + L

Introduzione: Il percorso si propone di seguire la comunicazione di una società antica, dall’architettura alla statuaria, alle monete, alle iscrizioni, alla viabilità.

Attività: Il laboratorio affronta il tema dell’epigrafia latina. I ragazzi, attraverso alcune schede didattiche appositamente strutturate verranno accompagnati nella lettura, nello scioglimento e nella traduzione di alcune edelle epigrafi conservate all’interno del Museo.

Theatrum et histriones. Maschere, attori e ludi scaenici nel mondo romano L

Introduzione: Visita al teatro romano di Spoleto e analisi delle sue caratteristiche architettoniche e funzionali. Approfondimento del tema del teatro nel mondo romano: le origini del teatro latino, le tecniche di rappresentazione, gli attori e le maschere.

Attività: Riproduzione di un oscillum a forma di maschera teatrale.

Artigiani e mercanti a Spoletium P 

Introduzione: Il percorso intende approfondire la conoscenza delle principali attività produttive, artigianali, artistiche e commerciali dell’antica Spoletium. Si approfondirà in particolare l’inserimento della città nei canali di traffico commerciali di età romana, per ricostruire il quadro di un centro dalla grande vivacità economica.

Leggere la storia attraverso le anfore L

Introduzione: Il laboratorio approfondisce la conoscenza delle anfore, i contenitori da trasporto di età romana grazie ali quali è possibile ricostruire un quadro dell’economia antica: i luoghi di produzione, le rotte commerciali, i generi alimentari trasportati, le varie forme di riuso.

Attività: Completamento di schede didattiche appositamente strutturate e realizzazione di una mappa che illustri le rotte commerciali delle anfore rinvenute nel territorio di Spoleto.

Firmalampen & co. Riproduciamo una lucerna romana L

Introduzione: dopo una prima parte dedicata alle tecniche di illuminazione in età romana, ci si concentra sul tema delle lucerne: cosa sono, come venivano prodotte, come funzionavano e in quali contesti venivano utilizzate.

Attività: Realizzazione di una lucerna romana secondo l’antica tecnica della lavorazione a matrice

La viabilità nella VI Regio L

Introduzione: il laboratorio è l’occasione per illustrare alcune tematiche connesse al sistema viario romano – dalle modalità di costruzione di una strada romana ai veicoli impiegati durante i viaggi in età antica, dalle realtà che gravitavano lungo i tragitti viari (insediamenti, stazioni di sosta e di servizio), alle “mappe” stradali dell’epoca

Attività: utilizzando  la fonti documentarie e iconografiche antiche e confrontandole con la cartografia  moderna, i ragazzi ricostruiranno il quadro del sistema viario della VI Regio

PER TUTTI

Il Museo Archeologico Statale di Spoleto: visita alle collezioni P

Visita guidata alle collezioni del Museo per ricostruire un quadro della storia della città e del suo territorio attraverso i secoli.

Le referenti del progetto:

Dott.ssa Marta Nardin

Dott.ssa Giulia Ricci

Associazione Culturale Studio Didattica Umbria

Via Breve, 4

06124 Perugia

Mail: segreteria@studiodidatticaumbria.it

cell. 340 9333827

347.5554321

volantino umbria 2018 fronte
volantino umbria 2018 interno.jpeg

Contatta Studio Didattica Umbria!

Passione per la Didattica e iniziative sempre nuove ci contraddistinguono. Contattaci per condividere con noi l'amore per Archeologia, Arte e Museologia!